12207 Assemblea Ital-Uil Germania. Eletta la nuova presidenza.

20161125 16:44:00 redazione-IT

Comunicato stampa ITAL – UIL
L’assemblea dell’Ital-Uil di Germania si è conclusa con una tradizionale fiaccolata nella serata di giovedì 24 novembre, dopo la sezione formativa, dedicata ai dipendenti, sull’attività del patronato all’estero, di Anna Maria Ginanneschi, sancendo il modello tedesco come primo patronato, con 30 sedi, 67 dipendenti.
È stato l’indirizzo di saluto del direttore generale dell’Ital, Maria Candida Imburgia, a risaltare la missione solidaristica del patronato Uil in Germania, oltre all’alta qualità, sia professionale che umana dei dipendenti.

Venerdì 25 novembre è stata la volta del congresso dell’Unione degli italiani nel mondo, sintetizzabile nella relazione di Marilena Rossi e nell’intervento di Gianfranco Segoloni, con l’impegno a dare ulteriore consistenza all’attività sociale, di rappresentanza della comunità italiana in terra tedesca.

Mario Castellengo, presidente Uim e Angelo Mattone, segretario generale, hanno tracciato gli indirizzi da seguire nel corso del 2017 per verificarne i risultati a fine dell’anno entrante, incentrati sull’esigenza di dar corpo alla linea della Uil di interloquire in Europa e nel globo, con tutti i governi, in difesa della dignità del lavoro, prima di tutto l’occupazione per i giovani, la difesa dell’associazionismo, il valore dell’esperienza, impersonata dagli anziani.

Il segretario generale della UilPensionati, Romano Bellissima, accogliendo l’istanza di globalizzazione dei valori della solidarietà, di rappresentanza sociale, di sostegno alle istanze giovanili, assunti a base del futuro prossimo impegno della UilPensionati e dell’Unione degli italiani nel mondo, ha proposto forme organizzative di radicamento della Uim, fuori dai confini italiani.

Il rilancio del periodico Lavoro italiano nel mondo, Lim, in edizione on-line, da affidare alla direzione di Romano Bellissima e Mario Castellengo, secondo alcuni interventi, accompagnerebbe una nuova stagione della politica della Uil sulla mobilità degli italiani nel globo e quella complessiva, assecondando i mutamenti politici, economici e sociali in atto.

Nel congresso della Uim di Germania, il ruolo indicato dal segretario generale, Carmelo Barbagallo, della Uil, presente e attiva in tutti i continenti, non solo nella vecchia Europa, superando le barriere nazionali, è stato salutato come l’unico progetto, coincidente con gli interessi degli italiani in Germania, perseguibile a condizione del pieno coinvolgimento, in prima fila,
appunto della Uil confederale.

I contributi di Dino Nardi, coordinatore Uim Europa, di Giuseppe Bartolotta, di Pino Maggio hanno introdotto il dibattito, ricco d’interventi, tra cui quelli di Brullo, Sogus, Laudani e altri ancora.

Le elezioni degli organismi della Uim hanno suggellato la fine del congresso, inaugurando il rinnovato impegno degli operatori della Uil della Germania, la seconda comunità italiana, dopo quella Argentina.

La presidenza è stata affidata ad Agata Squillaci con voto unanime. Due i vice-presidenti, Giuseppe Bartolotta e Gianfranco Segoloni.

a cura dell’ufficio stampa della Uim.
Berlino, 25 novembre 2016

 

Hits: 1

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.