Emergenza caldo, se vi colpisce sul lavoro andate all’Inca

Paola Rossi dell’Inca nazionale ci spiega in cosa consistono i rischi per chi si trova a lavorare quando le temperature salgono vertiginosamente

L’emergenza caldo comporta un rischio significativo per tutte le lavoratrici e i lavoratori che svolgono la propria attività in condizioni climatiche non adeguate. Il più grave tra i rischi è il colpo di calore che potrebbe avere conseguenze serie nel lungo periodo”. A spiegarci il pericolo legato al caldo estremo cui molte categorie di lavoratori sono esposti durante i mesi estivi è Paola Rossi dell’Inca Cgil nazionale.

“Il colpo di calore avviene di solito quando l’esposizione a temperature estreme si protrae per periodi prolungati. il colpo di calore quindi va segnalato come infortunio sul lavoro. Un altro aspetto indiretto del lavorare in condizioni climatiche estreme è la possibilità che questo diminuisca l’attenzione del lavoratore e aumenti il rischio di infortuni”.

“Il rischio legato alle estreme temperature è trasversale e riguarda sia coloro che lavorano all’aperto, sotto il sole, come gli addetti dell’edilizia, dell’agricoltura, della pesca, della logistica, sia coloro che lavorano in ambienti chiusi non correttamente climatizzati, come ad esempio gli addetti nelle cucine dei ristoranti o delle mense o coloro che lavorano nei capannoni dove spesso sono presenti anche macchinari che producono calore”.

Cosa fa l’Inca per assistere chi resta vittima delle temperature eccessive sul lavoro? “L’Inca – ci ha detto Paola Rossi – interviene per la tutela individuale delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno subito un danno alla salute correlato all’attività lavorativa. Se ci sono i sintomi classici di un malore legato all’emergenza caldo – giramenti di testa, svenimenti, eccessiva sudorazione, per fare degli esempi – non bisogna sottovalutarli, ma ci si deve recare immediatamente al pronto soccorso e dichiarare che il malore è insorto in occasione di lavoro. Poi ci si può recare all’Inca, presentando tutta la documentazione che è stata rilasciata al pronto soccorso. L’Inca è presente su tutto il territorio nazionale con i suoi operatori e anche con i suoi medici legali convenzionati e può fare anche una valutazione su eventuali postumi legati all’evento infortunistico”.

 

 

FONTE: https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/emergenza-caldo-se-vi-colpisce-sul-lavoro-andate-allinca-n3i4jk61

Views: 15

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

EMI-News è un notiziario aperiodico FIEI/Filef per l'emigrazione fondato da Carlo Levi| 1967-2023

DISCLAIMER
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Il materiale presente non segue una pubblicazione regolare, ed è replicabile citando la fonte.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite
i collegamenti ipertestuali, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il sito fornisca questi collegamenti non implica l’approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica
è declinata ogni responsabilità. Ciascun commento inserito nei post viene lasciato dall’autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale.