2538 Marco Basti (Buenos Aires): “CGIE, un rinnovo e tante polemiche”

20061213 11:13:00 webmaster

BUENOS AIRES – La settimana scorsa si è svolta l’assemblea plenaria del CGIE, l’ultima dell’anno e di rilevante importanza perché quasi tutti i consiglieri che erano stati eletti al Parlamento, tra i quali il segretario generale Franco Narducci e il Vicesegretario per l’America Latina Luigi Pallaro, si sono dimessi dai loro incarichi, pur restando consiglieri del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero. Pubblichiamo a pagina 10 le informazioni riguardanti tale assemblea e l’elezione di Elio Carozza come successore di Narducci quale segretario generale e di Francisco Nardelli, residente a Bahía Blanca, a vice segretario del CGIE per l’America Latina, subentrato a Pallaro.

L’assemblea e l’elezione del segretario generale hanno lasciato una scia polemica, perché gli esponenti del centrodestra rivendicando la loro rappresentatività, chiedevano una rappresentanza di almeno un terzo degli incarichi. Importanti esponenti del centrosinistra riconoscono che effettivamente alla vigilia si prevedeva una ripartizione più equa degli incarichi (sono stati eletti anche i nuovi presidenti delle varie commissioni di lavoro) e assicurano che lavoreranno per ricucire lo strappo. Questa situazione si verifica dopo mesi di polemiche sul futuro del CGIE, quello che una volta era il “parlamentino” degli italiani residenti all’estero e che, con l’elezione dei veri parlamentari eletti nella Circoscrizione Estero, ha perso una parte della sua ragion di essere.
Ora ci si interroga sull’utilità di questo organo di rappresentanza eletto, come è noto, con una elezione di secondo grado, fatto questo che contribuisce a penalizzare l’immagine di rappresentatività del CGIE, a confronto con i Comites e con i parlamentari eletti all’estero, che sono eletti a suffragio diretto e universale, fatto salvo però dell’incompletezza dell’anagrafe.
Il “nuovo” CGIE quindi dovrebbe impegnarsi meno nelle polemiche partitiche sterili e di più nel dibattito sulla sua utilità e le sue funzioni future, come collante tra le numerose comunità sparse per il mondo e i rispettivi Comites e i parlamentari eletti all’estero.

(Marco Basti, Direttore della Tribuna Italiana, Buenos Aires)

 

 

2538-marco-basti-buenos-aires-cgie-un-rinnovo-e-tante-polemiche

3314

2006-1

Hits: 2

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.