2533 Il Movimento per la società di giustizia e per la speranza a Papa Ratzinger

20061212 11:00:00 webmaster

"Il Patto civile di solidarietà non danneggia la famiglia"

Stupisce davvero che tanta e continua opposizione la Chiesa italiana abbia fatto al Patto di solidarietà; soprattutto in questi giorni, in cui il Governo italiano ha espresso la decisione di vararlo.

Questo stupore è stato manifestato da molti, per le seguenti ragioni:

1. Il Patto è un atto dovuto, una misura di giustizia per questi cittadini che convivono, con tutto ciò che alla convivenza consegue; e hanno diritto alla provvidenza dello stato per tutto ciò che la convivenza comporta, tanto quanto gli altri cittadini.

Il Movimento ha preparato questo intervento sulla Chiesa italiana che osteggia ingiustamente il Patto civile di solidarietà; per questo chiede il vostro aiuto. Ecco gl’indirizzi:
Romano Pontefice Benedetto XVI, Città del Vaticano, 00120 Roma, benedictxvi@vatican.va

CEI-Card. Camillo Ruini, Circonvallazione Aurelia 50, 00165 ROMA/ sicei@chiesacattolica.it

Bologna – Card. Carlo Caffarra, Via Altabella 6, 40126/ arcivescovo@bologna.chiesacattolica.it

Firenze – Card. Ennio Antonelli, Piazza S.Giovanni 3, 50129/ info@diocesifirenze.it

Genova – Arciv. Angelo Bagnasco, Piazza Matteotti 4, 16123/ arcivescovado@diocesi.genova.it

Milano – Card. Dionigi Tettamanzi, Piazza Fontana 2, 20122/ info@diocesi.milano.it

Palermo – Card. Salvatore De Giorgi, Via Matteo Bonello 2, 90134/ arcivescovo@diocesipa.it

Torino – Card. Severino Poletto, Via Arcivescovado 12, 10121/ info@diocesi.torino.it

Venezia – Card. Angelo Scola, San Marco 320a, 30124 / postmaster@patriarcato.venezia.it

Movimento per la Società di Giustizia e per la Speranza
Lecce

Al Romano Pontefice Benedetto XVI

Al Presidente della Conferenza Episcopale Card. Camillo Ruini

Ai vescovi e ai fedeli della Chiesa italiana

Il Patto civile di solidarietà non danneggia la famiglia

Stupisce davvero che tanta e continua opposizione la Chiesa italiana abbia fatto al Patto di solidarietà; soprattutto in questi giorni, in cui il Governo italiano ha espresso la decisione di vararlo.

Questo stupore è stato manifestato da molti, per le seguenti ragioni:

1. Il Patto è un atto dovuto, una misura di giustizia per questi cittadini che convivono, con tutto ciò che alla convivenza consegue; e hanno diritto alla provvidenza dello stato per tutto ciò che la convivenza comporta, tanto quanto gli altri cittadini.

2. Il Patto è anche un atto di amore fraterno, un aiuto a questi fratelli nel loro bisogno; e la Chiesa, se segue il vangelo e la sua legge suprema di amore, dovrebbe favorirlo.

3. Anche se ritiene che la coppia di fatto come la coppia omosessuale comportino trasgressione e peccato, la Chiesa ha un dovere di tolleranza e comprensione per chi pensa ed agisce in modo da lei difforme; così come ha un dovere di rispetto dell’autonomia dello stato e delle ragioni che stanno alla base di una legge.

4. In realtà il Patto è anche socialmente benefico in quanto contribuisce alla stabilità della coppia, sia eterosessuale che omosessuale; e di questo la Chiesa dovrebbe rallegrarsi.

5. L’obiezione tanto ripetuta che il Patto danneggia la famiglia è falsa. Semmai sancisce una forma analoga alla famiglia, che alla stabilità della famiglia s’ispira, la famiglia restando il modello; e quindi la conferma nella sua esemplarità e nel suo valore.

6. Invece la Chiesa deve chiedersi seriamente perché il trend della coppia di fatto si sia tanto espanso, e tuttora si espanda (nel Nordeuropa e negli USA oltre il 50% delle unioni; nel Centro intorno al 40%; ma anche nel Sudeuropa, anche in Italia è in crescita). Probabilmente una riflessione e un’azione seria debbono essere condotte per affrontare questo trend; a poco servono gl’interventi impositivi e repressivi.

Il Movimento chiede alla Chiesa italiana un comportamento di rispetto per l’autonomia dello stato, di rispetto per la libertà di coscienza, di comprensione fraternamente amorosa per i comportamenti difformi; chiede in particolare che in Italia abbia fine la persecuzione degli omosessuali, in cui la teologia più avanzata riconosce una forma connaturata altra, non una forma trasgressiva.

Lecce, il 13 dicembre 2006

per il Movimento, il responsabile

Prof. Arrigo Colombo

Arrigo Colombo, Centro interdipartimentale di ricerca sull’utopia, Università di Lecce

Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel/fax 0832-314160

E-mail arribo@libero.it/ Pag web http://digilander.libero.it/ColomboUtopia

 

 

2533-il-movimento-per-la-societa-di-giustizia-e-per-la-speranza-a-papa-ratzinger

3309

2006-1

Hits: 0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.