2592 ARGENTINA: IL XVI CONGRESSO DEI GIOVANI ORGANIZZATO A CORDOBA DA FEDITALIA

20061222 14:05:00 webmaster

da Tribuna Italiana (Buenos Aires)

Lo scorso fine di settimana si è svolto a Cordoba il XVI Congresso dei Giovani, organizzato dalla FEDITALIA, la Confederazione Generale delle Associazioni Italiane della Repubblica Argentina. Obiettivo di questa nuova edizione, come avvenuto anche nelle più recenti, è quello di promuovere la partecipazione e l’impegno delle nuove generazioni di origine italiana, nei diversi campi di attività politica, sociale, culturale ed economica dell’Argentina e dell’Italia, con la consapevolezza di essere eredi dell’immenso patrimonio morale e culturale che milioni di emigrati italiani hanno costruito in Argentina e, allo stesso tempo, essere promotori e protagonisti della crescita e dell’approfondimento dei rapporti tra l’Italia e l’Argentina.

A farne il resoconto è Tribuna italiana, il settimanale diretto a Buenos Aires da Marco Basti che dedica all’evento l’ampio servizio che qui riportiamo.
Il Congresso è stato aperto sabato mattina con i saluti delle autorità.
Sedevano al tavolo della presidenza le Vice Presidenti della FEDITALIA, Pina Mainieri (che recentemente ha ricevuto le insegne di Cavaliere dell’OMRI dal Vice Ministro Danieli) e Nélida Claps. Presenti inoltre il Console generale d’Italia a Cordoba Stefano Moscatelli, il Vice Segretario Generale del Cgie per l’America Latina, Francisco Nardelli, il Presidente del Comites di Cordoba, Rodolfo Borghese, e l’ex rettore dell’Università Nazionale di Cordoba, Hugo Juri. Assente a causa del maltempo che ha ritardato il suo volo il Presidente della FEDITALIA, sen. Luigi Pallaro.
Coordinatore generale del Congresso è stato Mario Borghese. In apertura Mainieri e Claps hanno parlato dell’azione della Federazione per promuovere la partecipazione dei giovani, a cominciare dai Congressi delle nuove generazioni. Una azione che ha portato, tra l’altro al protagonismo di giovani come Nardelli, che è stato recentemente eletto Vice Segretario del Consiglio Generale per il Sud America, posto lasciato vacante dallo stesso Pallaro intervenuto telefonicamente in assemblea nella seduta di chiusura, domenica mattina. Durante il suo intervento, ascoltato dalle oltre trecento persone al momento presenti nell’Auditorium della Facoltà di Odontoiatria dell’Università di Cordoba dove si sono svolte le deliberazioni, il Senatore ha insistito sull’importanza che da anni la FEDITALIA ha assegnato alla partecipazione dei giovani. Una azione che ha portato a concreti risultati: non solo l’elezione di Nardelli, ma anche la presenza di Mariano Gazzola sia nel Cgie sia alla Presidenza della Federazione veneta CAVA, la presenza di Nélida Claps alla vicepresidenza della FEDITALIA, il vertice dell’Associazionismo italiano in Argentina e nel campo della politica italiana, l’elezione di Ricardo Merlo alla Camera dei Deputati in Italia. Dopo aver segnalato questi esempi, Pallaro ha detto ai giovani partecipanti al Congresso che anche loro devono impegnarsi, perché la comunità italiana in Argentina può offrire tanti giovani preparati, professionisti, imprenditori, intellettuali, che sono cittadini argentini e cittadini italiani, pienamente consapevoli dei valori apportati dai loro padri e nonni, che a loro volta possono dare un determinante contributo all’Argentina, all’Italia e ai rapporti tra i due Paesi.
Infine Pallaro ha ribadito il suo impegno in favore dei giovani, un impegno accresciuto da quando è stato eletto senatore, anche perché ora ha a disposizione maggiori possibilità di lavorare in favore loro e di tutta la comunità italiana in Argentina.
Sono intervenuti al congresso anche Francisco Nardelli, che ha parlato della partecipazione e l’attività all’interno del Cgie, Hugo Juri, che ha voluto mettere in risalto la personalità del sen. Pallaro anche nei rapporti con l’Università di Cordoba che gli ha assegnato un prestigioso riconoscimento, e Santiago Gastaldi, Vice rettore dell’Università Nazionale di Rio Cuarto, intervenuto sui rapporti di collaborazione a livello universitario fra l’Italia e l’Argentina. Sul tema degli interscambi tra le università italiane e argentine ha parlato anche il vice direttore della sede di Buenos Aires dell’Università di Bologna, Vicente Donato.
Gli interventi della prima giornata (che poi sono stati analizzati dai partecipanti nelle commissioni di lavoro), si sono conclusi con quello di Federico Lazzarini responsabile di Italia Lavoro, agenzia del ministero del Lavoro italiano, per la promozione della formazione e delle politiche del lavoro, agenzia che recentemente ha firmato un accordo di collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Argentina.La prima giornata si è conclusa con una cena e festa presso la Dante Alighieri di Cordoba.
Domenica, giornata conclusiva, ha registrato gli interventi di Dario Exposito, e dell’ex deputato nazionale argentino di Cordoba Romero Molinari, che ha passato in rassegna la storia dei rapporti fra Stati, tra l’Italia e l’Argentina, mettendo in risalto il lungo elenco di coincidenze e azioni comuni e di cooperazione fra i due Stati in momenti diversi, a volte drammatici, ma sempre segnati dalla più profonda collaborazione.
Prima della chiusura i partecipanti hanno votato di assegnare alla Federazione delle Associazioni Italiane di Rio Negro e Neuquen (la più antica tra le federazioni che fanno parte della FEDITALIA), l’organizzazione del prossimo Congresso dei Giovani, che si terrà nel 2007

 

 

2592-argentina-il-xvi-congresso-dei-giovani-organizzato-a-cordoba-da-feditalia

3367

2006-1

Hits: 7

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.