10990 EMIGRARE

20140104 21:47:00 guglielmoz

L’ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT HA PUBBLICATO UN ARTICOLO SULLE DESTINAZIONI PIÙ PERICOLOSE DEL 2014. IN BASE A QUESTE INFORMAZIONI POTETE PONDERARE MEGLIO LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DELLA VOSTRA EMIGRAZIONE.
Per pericolosità, la graduatoria intende la probabilità che vi siano proteste da parte dei cittadini di quella nazione durante il 2014.Durante il 2013 sono avvenuta proteste in Ucraina, Bulgaria, Brasile, Argentina, Messico, Tunisia, Egitto e Turchia. Anche nazioni più ‘tranquille’ come Singapore e Giappone hanno visto la presenza sulle strade di cittadini che protestavano. Queste proteste sono in parte dovute a disuguaglianza sociale ed economica e a insoddisfazione con i politici.

Esse vengono inoltre organizzate più facilmente grazie all’utilizzo di tecnologie come gli smarthpone.
Laka Kekic dell’Economic Intelligence Unit spiega: “declini in reddito e alta disoccupazione non sempre bastano a far nascere proteste. Solo quando ai problemi economici si aggiungono altri elementi di vulnerabilità’ della popolazione esiste una alto rischio di instabilità. Questi fattori come un alto tasso di diseguaglianza nel reddito, governo incompetente, bassi livelli di welfare sociale, tensioni etniche e una tradizione di instabilità. Recentemente è diventata particolarmente importante l’erosione di fiducia nei governi e nelle istituzioni: una crisi della democrazia.”

L’ECONOMIC INTELLIGENCE UNIT MISURA IL RISCHIO DI INSTABILITÀ SOCIALE IN 150 NAZIONI BASANDOSI MOLTO SU DEBOLEZZE ISTITUZIONALI E POLITICHE.
PER IL 2014, 65 NAZIONI SONO VALUTATE AD ALTO RISCHIO (IL 43% DEL TOTALE), 19 IN PIÙ RISPETTO A 5 ANNI FA.

L’articolo sottolinea come queste previsioni non sono infallibili. Ad esempio la Tailandia un anno fa veniva valutata come a medio rischio mentre si è poi rivelata una nazione ad alto rischio.
Ecco le varie categorie di rischi e l’elenco di nazioni al suo interno.

RISCHIO MOLTO BASSO
Austria, Danimarca, Giappone, Lussemburgo, Norvegia, Svizzera

RISCHIO BASSO
Australia, Botswana, Canada, Cile, Costa Rica, Emirati Arabi Uniti, Finlandia, Gambia, Germania, Hong Kong, Islanda, Lesotho, Malesia, Mauritius, Namibia, Nuova Zelanda, Poland, Repubblica Ceca, Senegal, Singapore, Slovacchia, Stati Uniti, Svezia, Taiwan, Uruguay

RISCHIO MEDIO
Angola, Arabia Saudita, Armenia, Azerbaijan, Belgio, Belize, Benin, Capo Verde, Colombia, Congo-Brazzeville, Corea del Sud, Costa d’Avorio, Cuba, Ecuador, El Salvador, Eritrea , Estonia, Francia. Gabon, Georgia, Ghana, Giamaica, Gran Bretagna, Guinea Equatoriale, India, Indonesia, Irlanda, Israele, Italia, Kenia, Kuwait, Lettonia, Lituania, Malawi, Malta, Mozambico, Oman, Paesi Bassi, Paraguay, Qatar, Repubblica Dominicana, Ruanda, Russia, Sao Tome e Principe, Serbia, Seychelles, Slovenia, Tailandia, Tanzania, Trinidad e Tobago , Uganda, Ungheria, Vietnam Zambia

RISCHIO ALTO
Albania, Angola, Bielorussia, Brasile, Bulgaria, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Chad, Cina, Cipro, Croazia, Etiopia, Filippine, Giordania, Guatemala, Guyana, Haiti, Honduras, Iran, Kazakistan, Kyrgyzstan, Laos, Macedonia, Madagascar, Marocco, Messico, Moldavia, Myanmar, Nicaragua, Pachistan, Panama, Papua Nuova Guinea, Perù, Portogallo, Romania, Spagna, Sri Lanka, Sud Africa, Tajikistan, Togo, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Ucraina

RISCHIO MOLTO ALTO
Argentina, Bahrain, Bangladesh, Bolivia, Bosnia, Egitto, Grecia, Guinea, Irak, Libano , Libia, Nigeria, Siria, Sudan, Swaziland, Uzbekistan, Venezuela, Yemen, Zimbabwe

PER LE ASSOCIAZIONI, CIRCOLI FILEF, ENTI ed AZIENDE . Sui siti internet www.emigrazione-notizie.org e www.cambiailmondo.org è possibile utilizzare uno spazio web personalizzato, dedicato alla Vostra attività e ai Vostri comunicati stampa. Per maggiori informazioni, contattateci a emigrazione.notizie@email.it , oppure visitate la sezione PUBBLICITÀ su www.cambiailmodo.org

 

Hits: 6

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.