Emigrazione Notizie
  Articoli     
 

Iscritti
 Utenti: 713
Ultimo iscritto : agustinaventura
Lista iscritti

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 67
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

italiani all'estero
FILEF
I Film documentari


Radio e TV


Fiei


Premio Conti IX°
Premio Conti 9 Edizione


# - Siti di informazione
Global Research (IT)
SELVAS.ORG (IT)
SBILANCIAMOCI (IT)
SINISTRA in RETE (IT)
Global project (IT)
CARTA MAIOR - Brasile (IT)
SUR Argentino (IT)
Il Fatto Quotidiano (IT)
PRENSA DE FRENTE (IT)
Forum Palestina (IT)
INFO PALESTINA (IT)
LAVOCE.INFO (IT)
RADIO ARTICOLO1 (IT)
F I L E F (IT)
Fondazione L O G O S (IT)
REDATTORE SOCIALE (IT)
GUSH-SHALOM (IT)
F I E I - Notizie (IT)
TELESUR Americalatina (IT)
ARCOIRIS TV (IT)
ARTICOLO 21 (IT)
RADIO POPOLARE (IT)
LA REPUBBLICA (IT)
CORRIERE DELLA SERA (IT)
LA STAMPA (IT)
L'UNITA' (IT)
IL MANIFESTO (IT)
IL MESSAGGERO (IT)
L' AVVENIRE (IT)
L'ESPRESSO (IT)
ANSA (IT)
MEGACHIP (IT)
EMERGENCY (IT)
AMNESTY (IT)
ALL AFRICA (IT)
LIMES (IT)
MANITESE (IT)
NIGRIZIA (IT)
UNIMONDO (IT)
PEACELINK (IT)

Social


Tours e Corsi
FilefTour
corsi di italiano


Eventi
<
Luglio
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 -- -- -- -- -- --

Questa settimana

 
DOV'È LA SINISTRA? NEL VORTICE DELLA CRISI
- Inserito il 15 novembre 2011 alle 16:56:15 da Serge HALIMI.

DOV'È LA SINISTRA? NEL VORTICE DELLA CRISI

Nel momento in cui il capitalismo attraversa la più grave delle sue crisi dopo quella degli anni '30, i principali partiti di sinistra rimangono muti e imbarazzati. Nel migliore dei casi promettono di rabberciare il sistema, ma più spesso cercano di dar prova dì senso dì responsabilità raccomandando a loro volta purghe liberiste. Quanto potrà durare questa blindatura del sistema politico, mentre la rabbia sociale continua a salire?

di Serge HALIMI




Si da il caso che uno dei maggiori responsabili del vicolo cieco in cui si trova la socialdemocrazia europea sia il porta¬voce. .. del partito socialista (Ps) francese. «In seno ali 'Unione europea, nota Benoìt Hamon nel suo ultimo libro il Partito socialista europeo (Pse) è storicamente associato, grazie ai compromesso che lo lega alla democrazia cristiana, alla strategia di liberalizzazione del mercato interno e alle sue conseguenze sui diritti sociali e sui servizi pubblici. Sono stati i governi socialisti a negoziare i piani d'austerità voluti doli 'Unione europea e dal Fondo monetario internazionale (Fmi). In Spagna, in Portogallo e in Grecia la contestazione dei piani di austerità è ovviamente rivolta non solo contro l'Fmi e la Commissione europea, ma anche contro i governi socialisti nazionali. (...) Una parte della sinistra europea non contesta più le tesi della destra sulla necessità di sacrificare lo statoprovvidenza per ristabilire l'equilibrio di bilancio e lusingare i mercati. (...) In varie realtà del pianeta siamo stati un ostacolo al progresso. A questo non mi rassegno (2)».

Per altri questa trasformazione è invece irreversibile, in quanto originata dall'imborghesimento dei socialisti europei, ormai lontani dal mondo operaio. In Brasile il Partito dei lavoratori (Pt), pure abbastanza moderato, ritiene che la sinistra latinoamericana debba prendere il posto di quella del Vecchio continente, divenuta troppo capitalista e atlantista per poter difendere legittimamente gli interessi popolari: «È in atto oggi uno spostamento geografico della direzione ideologica della sinistra nel mondo», sosteneva nel settembre scorso un documento preparatorio del congresso del Pt. «Il Sudamerica si distingue in questo contesto. (...) La sinistra dei paesi europei, che tanto ha influenzato, fin dal XIX secolo, la sinistra nel mondo, non ha saputo dare risposte adeguate alla crisi, e sembra capitolare di fronte al dominio del neoliberismo (3)». Forse il declino dell'Europa è anche il crepuscolo dell'influenza ideologica del continente che vide nascere il sindacalismo, il socialismo e il comunismo, e sembra oggi più disposto di altri a rassegnarsi alla loro scomparsa.

Vuoi dire allora che la partita è persa? Gli elettori e i militanti di sinistra tuttora più legati ai contenuti che a etichette fittizie possono sperare, anche nei paesi occidentali, di combattere la destra a fianco di compagni conquistati dal liberismo, ma tuttora egemoni sul piano elettorale? Di fatto, il balletto è ormai rituale: per la durata di una campagna elettorale, la sinistra riformista si distingue dai conservatori solo grazie a un effetto ottico. Dopo di che, non appena ne ha l'occasione, si mette d'impegno a governare come farebbero i suoi avversar!, badando a non turbare l'ordine economico e a proteggere l'argenteria dei signori del castello.
La trasformazione sociale, di cui la maggior parte dei candidati di sinistra alle prese con le responsabilità di governo, proclama la necessità, anzi l'urgenza, richiede evidentemente qualcosa di più della retorica elettorale. Ma anche l'accesso al potere. Ed è proprio su questo punto che la sinistra moderata impartisce lezioni ai «radicali» e agli altri «indignati», proclamando che non può starsene ad aspettare «le grand soir» (leggere alle pagg. 14-15 il dibattito tra Samuel Gompers e Morris Hillquit); e neppure sognare di sottrarsi alle impurità del mondo trincerandosi in una controsocietà popolata di esseri eccezionali (leggere apag. 16 l'articolo di Franck Poupeau). Per riprendere i termini usati cinque anni fa da Franfois Hollande, non Intende «bloccare, ma fare; vuole agire, non frenare; conquistare piuttosto che resistere». E pensa che «non battere la destra vuoi dire mantenerla al potere, e quindi sceglierla (4)». Mentre a suo parere a sinistra radicale preferisce «cavalcare qualunque tipo di rabbia», pur di non fare «la scelta del realismo (5)».

La sinistra di governo - ed è questo il suo principale asso nella manica - dispone «qui e ora» di truppe elettorali e di quadri impazienti,che le permetterebbero di assicurare l'alternanza. Ma l'impegno a battere la destra» non può di per sé sostituire un programma o una prospettiva. Una volta vinte le elezioni, c'è il rischio che le strutture Ostenti - nazionali, europee, internazionali - oppongano uno sbarramento alla volontà di cambiamento espressa durante la campagna elettorale. Di fatto, negli Stati uniti Barack Obama ha potuto sostenere che le lobby dell'industria e l'ostruzionismo parlamentare repubblicano abbiano minato il suo volontarismo e ottimismo («Yes, we can»), pure sostenuti da un'ampia maggioranza popolare. Altrove, i governi di sinistra si sono scusati della loro prudenza - o pusillanimi - accusando i «vincoli» e i problemi «ereditati» (assenza di competitività internazionale del settore produttivo, livello del debito ecc.) di aver ristretto i loro margini di manovra. «La nostra vita pubblica è dominata da una strana dicotomia - aveva detto, fin dal 1992, Lionel Jospin. Da un lato sì imputa al potere [socialista] la disoccupazione, il malessere delle banlieue, le frustrazioni sociali, l'estremismo di destra, la mancanza di prospettive della sinistra. Dall'altro gli si co¬manda di rimanere nell'alveo di una politica economico-finanziaria che rende assai difficile affrontare questi problemi (6)».

A vent'anni di distanza, la formulazione di questa contraddizione non ha neppure una ruga. I socialisti sostengono che, in generale, una sconfitta elettorale della sinistra scatena la messa in opera da parte della destra di una bordata di «riforme» liberiste - privatizzazioni, restrizioni dei diritti sindacali, amputazione dei proventi pubblici -che distruggeranno gli strumenti di un'eventuale politica di segno diverso. E quindi invitano al «voto utile» in loro favore. Ma una sconfitta socialista può anche portare vantaggi pedagogici. Come ammette Benoìt Hamon, ad esempio in Germania «l'esito delle elezioni legislative [del settembre 2009], che ha valso ali 'Spd il suo peggior risultato [il 23% dei suffragi] da oltre un secolo, ha convinto la direzione del partito della necessità di cambiare orientamento (7)».

I socialisti greci si congratulano
con se stessi per aver agito più
rapidamente di Margaret Thatcher...



UN «RIASSESTAMENTO DOTTRINALE», di portata altrettanto modesta, è intervenuto in Francia dopo la sconfitta dei socialisti alle legislative del 1993, e nel Regno unito in seguito alla vittoria del partito conservatore nel 2010. E senza alcun dubbio si potranno constatare tra non molto sviluppi identici in Spagna e in Grecia. In effetti, è difficile che i governanti socialisti di quei paesi possano imputare la loro sconfitta prossima ventura a una politica esageratamente rivoluzionaria... Per sostenere la causa di Papan¬dréou, la deputata socialista Elena Panaritis si è persine azzarda¬ta a ricorrere a un paragone sconcertante: «Margaret Thatcher ha impiegato undici anni a realizzare la sue riforme, in un paese con problemi strutturali meno gravi [dei nostri]. Il nostro programma è stato varato in soli quattordici mesi (8)!» In sintesi, «Papandréou meglio della Thatcher!». Non si esce da questo intrico senza stabilire un elenco delle condizioni preliminari per richiamare all'ordine la globalizzazione finanziaria.

Ma subito sorge un problema: tenuto conto dell'abbondanza e della sofisticazione dei dispositivi che da trent'anni hanno ordito l'incastro tra sviluppo economico degli stati e speculazione capitalista, d'ora in poi qualunque programma di riforme, anche relativamente morbido (meno ingiustizia fiscale, difesa del bilancio per la scuola, moderato incremento del potere d'acquisto dei salari ecc.) impone tutta una serie di rotture, non solo con l'attuale ordine europeo ma anche con le politiche finora fatte proprie dai socialisti (9).
Ad esempio, in assenza di una rimessa in discussione dell'«indipendenza» della Bce (i trattati europei garantiscono alla sua politica monetarista l'esonero da ogni controllo democratico), di un ammorbidimento del patto di stabilità e di crescita (che nei periodi di crisi soffoca ogni strategia volontarista di lotta contro la disoccupazione), di una denuncia dell'alleanza tra liberisti e socialdemocratici al parlamento europeo (che ha indotto questi ultimi a sostenere la candidatura di Mario Draghi, già banchiere di Goldman Sachs, alla testa della Bce), per non parlare del libero scambio (la dottrina della Com¬missione europea) e di una procedura di verifica del debito pubblico (per non rimborsare gli speculatori che hanno scommesso contro i paesi più deboli dell'eurozona), in assenza di tutto questo la partita sarà male impostata fin dall'inizio, e quindi persa prima ancora di incominciare.

In effetti, nulla fa credere che Francois Hollande in Francia, Sigmar Gabriel in Germania o Edward Milliband nel Regno unito riescano là dove già hanno fallito Barack Obama, José Luis Zapatero e George Papandreou. Immaginare «un'alleanza che faccia dell'unio¬ne politica dell'Europa il cuore del suo progetto» per assicurare, come spera Massimo D'Alema, «la rinascita del progressismo (10)» somiglia (nel migliore dei casi) a un so¬gno a occhi aperti. Allo stato attuale delle forze politiche e sociali, un'Europa fede¬rale non potrebbe far altro che bloccare ulteriormente i già asfissianti dispositivi liberisti, facendo un passo in più sulla via dell'esproprio della sovranità dei popoli, per affidare il potere a opache istanze tecnocratiche. Forse che la moneta e il commercio non sono fin d'ora «federalizzate»?
Eppure, fintanto che la maggioranza dell'elettorato progressista continuerà a votare i partiti della sinistra moderata, sia che aderisca al loro progetto o che veda in essi l'unica prospettiva di un'alternanza in tempi ravvicinati, gli schieramenti politici più radicali (così come gli eco¬logisti) saranno condannati al ruolo di comprimari, forze ausiliarie o mosche cocchiere. Nel periodo 1981-1984 il partito comunista francese (Pcf), che pure aveva al suo attivo il 15% dei suffragi, quarantaquattro deputati, quattro ministri e un'organizzazione con centinaia di migliaia di aderenti, non ha mai avuto alcun peso nella definizione delle politi¬che economiche e finanziarie di Francois Mitterrand.

E in Italia il naufragio del Partito di Rifondazione comunista, prigioniero della sua alleanza con i partiti del centro-sinistra, non costituisce certo un precedente esaltante. Si trattava allora, come si ricorderà, di evitare a ogni costo il ritorno al potere di Silvio Berlusconi; che si è verificato ugualmente, anche se un po' più tardi.
Il Fronte della sinistra (del quale fa parte il Pcf) vuole contrapporsi a prospettive del genere, e fa pressione sul Ps, sperando di sottrarlo ai «suoi atavismi»', una scommessa che a priori sembra illusoria, se non disperata. Eppure, se include fattori diversi dai rapporti di forze elettorali e i vincoli istituzionali, può rifarsi a vari precedenti storici. Ad esempio, alcune grandi conquiste sociali del Fronte popolare (ferie pagate, settimana di 40 ore ecc.) non facevano parte del programma (molto moderato) della coalizione vit¬toriosa nell'aprile-maggio 1936, ma sono stati imposti al padronato francese dal movimento degli scioperi di giugno.

Non per questo però la storia di quel periodo si può ridurre all'irresistibile pressione di un movimento sociale sui partiti di una sinistra timida o spaventata. E stata la stessa vittoria elettorale del Fronte popolare a scatenare un movimento di rivolta sociale, liberando gli operai dalla percezione di scontrarsi col muro della repressione poliziesca e padronale. Ma per quanto rincuorati, essi sapevano bene di poter ottenere qualcosa dai partiti che avevano votato solo forzando loro la mano. Da qui la dialettica vincente - ma quanto rara! - tra voto e mobilitazione, tra le urne e le fabbriche. Senza una pressione del genere, un governo di sinistra non tarderebbe a blindarsi a porte chiuse con una tecnocrazia da tempo non più abituata a fare qualcosa di diverso dal liberismo; e con un'unica ossessione, quella di sedurre le agenzie di rating. Anche se tutti sanno che queste ultime «declas¬serebbero» seduta stante qualunque paese impegnato in una politica autenticamente di sinistra.

Come una stella morta,
la Repubblica centrista
emana i suoi deboli raggi

ALLORA, AUDACIA o impantanamento? I rischi di una politica audace - isolamento, inflazione, declassamento - ce li sentiamo ripetere dall'alba al tramonto. D'accordo; ma quello di rimanere impantanati? Analizzando la situazione europea degli anni '30, lo storico Cari Polanyi ricorda che in vari paesi «il vicolo cieco in cui si era cacciato il capitalismo liberista» aveva portato allora a «una riforma dell'economia di mercato realizzata al prezzo dell'annientamento di tutte le istituzioni democratiche (11)».
Ma quale sovranità popolare possono ancora invocare le decisioni europee prese a rimorchio dei mercati? Anche un socialista moderato come Michel Rocard si allarma: ogni nuovo indurimento delle condizioni imposte ai greci rischia di provocare la sospensione della democrazia in quel paese. «Nello stato di esasperazio¬ne in cui si troverà quel popolo - scriveva Rocard il mese scorso - si può dubitare che un qualunque governo greco riesca a mantenersi in piedi senza l'appoggio dell'esercito. Questa triste riflessione vale senza dubbio per paesi quali il Portogallo e/o l'Manda, ma anche per altri più grandi. Fin dove si arriverà? (12)» Per quanto so¬stenuta da tutta la chincagliera istituzionale e mediatica, la repubblica centrista traballa. È in atto una gara di velocità tra l'induri¬mento dell'autoritarismo liberista e l'avvio di una rottura col capitalismo. Che tuttavia appare ancora lontana.
Quando i popoli non credono più a una politica giocata con dadi truccati, quando si rendono conto che i governi hanno de¬posto la loro sovranità, quando si ostinano a pretendere che le banche vengano richiamate all'ordine, quando si mobilitano sen¬za sapere dove li condurrà la loro rabbia, è segno che malgrado tutto la sinistra è ancora viva.



SERGE HALIMI 2011/11/15 Le Monde diplomatique


( 1 ) Composta dalla Commissione europea, dalla Banca centrale europea (Bce) e dal Fondo monetario internazionale (Fmi).
(2)Benoìt Hamon, Tourner la page. Reprenons la marche du progrès(
(3) Agenzia Franco-presse, 4 settembre 20) I.
(4) Francois Hollande, Devoirs de vérité. Stock, Parigi, 2006, pp. 91 e 206. (5)Ibid,pp. 51 e 43.
(6) Lionei Jospin, «Reconstruirc la gauche », Le Monde, 11 aprile 1992.
(7) Benoft Hamon, op. cit., p. 180.
(8) Citato da Alain Salles, «L'odyssée de Papandréou», Le Monde, 16 settembre 2011.
(9) Leggere «11 referendum per un'Europa diversa e solidale », Le Monde diplomati-que/i! manifesto, giugno 2005.
(10) Massimo D'Alema, «Le succès de la gauche au Danemark annonce un rcnouveau européen», Le Monde, 21 settembre 2011.
(11) Karl Polanyi, La Grande Transformation, Gal-limard, Parigi, 1983, p. 305, trad. it. La grande tra¬sformazione, Einaudi.
(12) Michel Rocard, «Un système bancaire a repen-ser », Le Monde, 4 ottobre 2011.
(Traduzione di E. H.)




 

GOOGLE Adv


filef.info


e-book
Memories of a person of interest - di Carmen Lavezzari
Le nuove generazioni nei nuovi spazi e tempi delle migrazioni - a cura di Francesco Calvanese
2012, Fuga dall'Italia - Speciale di Cambiailmondo
L'Altro siamo noi - di William Anselmi
L'Altro siamo noi - di William Anselmi
L'Altro siamo noi - di William Anselmi
Razzismo Democratico - di Salvatore Palidda
Agenti-4
Cartas
aigues-mortes
narrazioni-migranti
ebook-10_anni_di_migrazioni


 
 © FILEF
Iscriviti Cancellati

Archivio notizie

 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.4
Questa pagina è stata eseguita in 9,472656E-02secondi.
Versione stampabile Versione stampabile